Coronavirus, la ricerca ci salverà.

Giorgio Stassi e Matilde Todaro – Università di Palermo

Nelle ultime settimane, sebbene con un personale ridotto del 50 per cento per rispettare le distanze di sicurezza, il laboratorio di Giorgio Stassi al Policlinico di Palermo non ha mai smesso di occuparsi di ricerca sul cancro. “Un dovere nei confronti di pazienti e donatori” sottolinea Giorgio. Il laboratorio di Stassi si trova sotto il reparto dedicato alle malattie infettive e purtroppo si è stati costretti a sbarrare la porta di emergenza al piano, perché la disperazione dei parenti dei pazienti infetti da Covid-19 li porta spesso a cercare di forzare l’entrata per poter assistere i propri cari ricoverati.

Parallelamente, l’attività clinica di Matilde Todaro – anche lei palermitana, compagna professionale e di vita di Giorgio – non si è mai fermata: la maggior parte dei suoi pazienti, in cura da lei per tumori tiroidei, in questo momento per fortuna non hanno necessità di recarsi fisicamente in ospedale, ma vanno comunque seguiti costantemente. Per questo motivo, Matilde li sente ogni giorno al telefono e via WhatsApp; molti pazienti hanno più di 60 anni e a volte possono avere qualche problema nell’uso degli strumenti tecnologici, ma fortunatamente attorno a loro si è creata una rete solidale che li sostiene e li aiuta quando hanno bisogno.

“Per un ricercatore, per un medico, essere inerme è straziante” commenta Giorgio. “Noi medici siamo le persone su cui i pazienti devono poter contare” aggiunge Matilde.

Per questo motivo, dopo l’attività diurna in laboratorio e in studio, di notte i due ricercatori lavorano per contribuire alla lotta contro Covid-19: studiano ed elaborano dati per aumentare il numero di test rivolti soprattutto alle persone a contatto con il pubblico.

Il 24 marzo, insieme a Ruggero De Maria, Pier Giuseppe Pelicci, Gioacchino Natoli, Paolo Vineis e tanti altri ricercatori finanziati anche da AIRC, Giorgio Stassi ha firmato una lettera aperta pubblicata da Il Sole 24 Ore attraverso cui circa 300 laboratori di ricerca italiani si mettono a disposizione del nostro Paese per fronteggiare l’emergenza sanitaria analizzando quanti più tamponi possibili. Questi laboratori, con la collaborazione di partner italiani, stanno cercando di creare dei sistemi di analisi in house, in modo da ridurre l’impatto della chiusura delle frontiere sulla loro capacità di fare test alla popolazione.

Fonte: www.airc.it

Coronavirus, 290 scienziati italiani chiedono più test: «Laboratori di ricerca pronti»

Lettera aperta a Conte e ai presidenti delle Regioni

I laboratori di ricerca italiani uniti in rete possono contribuire a fermare l’accelerazione della pandemia COVID-19, «le attuali strategie di contenimento basate sulla identificazione dei soli soggetti sintomatici non sono sufficienti alla riduzione rapida della estensione del contagio», «così pagheremo un prezzo altissimo, aumentare i test è critico per interrompere la catena di contagio».

Con una lettera aperta al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e ai Governatori delle Regioni oltre 290 rappresentanti di primo piano della comunità scientifica italiana hanno proposto un piano d’azione nazionale anti-contagio che vede il consenso compatto della maggioranza dei direttori degli IRCCS e dei principali Istituti di Ricerca Biomedica nonché di una larga fascia degli scienziati con competenze di biologia molecolare e biotecnologie del nostro Paese.

«Risorse intellettuali e competenze tecnologiche di alto livello per l’esecuzione dei test diagnostici per l’identificazione del virus sono disponibili su tutto il territorio nazionale da subito e a costo di personale e attrezzature pari a zero, e quindi senza imporre ulteriori aggravi in un paese già allo stremo», si legge in un comunicato.

Il comitato promotore è formato da Ruggero De Maria, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma; Andrea Graziani, Università degli Studi di Torino; Emilio Hirsch, Università degli Studi di Torino; Gioacchino Natoli, Istituto Europeo di Oncologia, IRCCS, Milano; Pier Giuseppe Pelicci, Direttore Area Ricerca, Istituto Europeo di Oncologia, IRCCS, Milano; Giorgio Stassi, Universita’ degli Studi di Palermo e Paolo Vineis, Imperial College, London.

«Un sistema di laboratori a rete diffuso in maniera capillare sul territorio nazionale e fondato sulle competenze disponibili nei centri di ricerca italiani puo’ mettersi al lavoro da subito», dicono gli scienziati italiani. Com-Lan.

Fonte: www.ilsole24ore.com

Consegna Premio e Borse di Studio Fondazione “Carlo Chianello”

Giorno 6 Dicembre 2019 si è tenuta la premiazione dei vincitori delle borse di studio  della Fondazione “Carlo Chianello”.

L’incontro è stato introdotto dagli indirizzi di saluto del Rettore dell’Università di Palermo, prof. Fabrizio Micari, del Presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia di UniPa, prof. Giuseppe Gallina, dal Direttore del Dipartimento di Ingegneria di UniPa, prof. Giovanni Perrone e del Delegato del Rettore Fondazione “Carlo Chianello”, prof. Giuseppe Ingrassia.

Qui la locandina dell’evento.

I vincitori premiati con le borse di studio sono la Dott.ssa Miriam Gaggianesi e il Dott. Simone Di Franco.

Fonte: www.unipa.it

Dr. Alice Turdo winner of the fellowship “Fondazione Carlo Chianello 2016”

Italian and foreign scholars in the field of experimental clinical oncology and computer engineering were awarded on the 12th of December 2016, in the Sala Magna of the Monumental Complex of the Steri. The award ceremony was held for Italian and foreign scholars who distinguished themselves in the field of clinical and experimental oncology and in the disciplines of computer engineering.
The parchments to the winners of the prizes and scholarships were presented by the Rector of the University Fabrizio Micari who expressed great satisfaction with the role of the "Carlo Chianello" foundation in the development of cancer research. Alice Turdo has been declared winner of the "C.Chianello ” scholarship, which has been established to encourage young researchers and support research in the field of cancerology and oncology disciplines.

The dott. Simone Di Franco selected for the scholarship award “Fondazione Carlo Chianello 2018”

Simone Di Franco, PhD Research Fellow at the Laboratory of Cellular and Molecular Physiopathology at Di.Chir.On.S., was selected for the “Fondazione Carlo Chianello 2018” scholarship, awarded to the most deserving young researchers in the field of clinical and experimental oncology (Announcement of 08-10-2018, prot. n ° 75240). The research activity proposed by Dr. Di Franco will take place within the Laboratory of Cellular and Molecular Physiopathology, directed by Prof. Giorgio Stassi, and will address the theme of “the role of adipose tissue in the progression of colorectal cancer”.

A new collaboration has been established between the University of Palermo and the National Institutes of Health (NIH)

A new collaboration has been established between the Laboratory of Cellular and Molecular Oncology, headed by Prof. Giorgio Stassi, at the Department of Surgical, Oncological and Oral Sciences (DICHIRONS), University of Palermo and the National Institutes of Health (NIH), Bethesda, Maryland, USA. The strenght of this scientific collaboration between DICHIRONS and the NIH is confirmed by the following points:

  1. Published papers in collaboration with Dr. Ettore Appella, Chief of Chemical Immunology Section, Laboratory of Cell Biology, National Cancer Institute (NCI), and Dr. Carol J. Thiele, Deputy Director of Center for Cancer Research and Deputy Chief of the Pediatric Oncology Branch, at NIH.
  2. DICHIRONS is provided with a “Special Volunteer” agreement with the NIH in the years 2016-2018.
  3. Expertise in TP53, stem cell biology and molecular oncology fields is integrated in these two laboratories.

The outcome of the ongoing cooperation is a scientific project based on the role of TP53 in cancer stem cells freshly isolated from patients affected by colorectal cancer (CRC). This project is aimed to develop novel therapies as a precision medicine approach in the oncology field.

SPV Agreement

AIRC scholarship assigned to a young graduate

Turdo Alice

Dr Pier Giuseppe Torrani, President of the Italian Association for Cancer Research has announced the renewal, for the third consecutive year, of an AIRC scholarship for the year 2018 to Dr Alice Turdo. The Doctor carries out her research activity in the Cellular and Molecular Oncology Laboratory of the University of Palermo directed by Prof Giorgio Stassi, professor of “Surgical, Oncological and Stomatological Disciplines”.

“It is a great pride for me to be able to carry out this research activity at our University – says Alice Turdo – who is giving me the opportunity to deepen our study in oncology, which is a research field of great interest for public health”.

The Rector Fabrizio Micari congratulated the new scholarship holder. “Having known about the important award that was once again conferred – states the rector – I formulate my best wishes for the excellent result achieved”.

Source Unipa.it